Si è conclusa l’estate EYFA… ora si torna a scuola!

04.09.2020

13:01

Si è conclusa l’estate EYFA… ora si torna a scuola!

 

Il secondo camp EYFA di questa anomala estate si è concluso nella piovosa giornata di venerdì 28 agosto. Tre giorni dopo le ragazze e i ragazzi, colmi di nostalgia della settimana EYFA appena trascorsa, sono tornati sui banchi di scuola. In quest’estate difficile, EYFA è riuscita ad adattarsi e, come ogni anno, a proporre due corsi di freestyle della durata di cinque giorni. Nell’appuntamento di agosto per ragioni legate al Covid-19 è stata adottata la formula Day Camp: i partecipanti anziché pernottare al Centro sportivo di Tenero tornavano a casa a dormire al termine di ogni giornata d’allenamento, per poi ripresentarsi l’indomani belli pimpanti.


I 16 iscritti all’EYFA Summer Camp di agosto hanno trascorso 5 giorni alla scoperta dello sci freestyle. L’attrazione principale è come sempre il water jump: con sci e scarponi ai piedi, un giubbotto per stare a galla e casco in testa, i freestyler EYFA si son lanciati giù dalla rampa e hanno dato sfogo alla loro fantasia con salti come lo spread-eagle, il 360° o perfino il back (mortale all’indietro). Questo ovviamente sotto gli occhi attenti e su consiglio del giovane e qualificato staff di allenatori EYFA, composto da ex atleti e campioni di freestyle e da attuali allenatori di TiSki e Swiss-Ski come Deborah Scanzio, ex atleta olimpica e ora a capo del progetto EYFA, Loris Battalora e Mirò Domeniconi, allenatori TiSki, Juan Domeniconi, preparatore acrobatico di Swiss-Ski, e Giosué Martinoli, ex atleta di Swiss-Ski. I più piccoli (un partecipante non aveva neanche 7 anni!) o quelli che non se la sentivano di affrontare il water jump hanno potuto allenarsi con i tuffi in piscina, così da migliorare le basi acrobatiche e lavorare su nuovi salti in totale sicurezza. Il programma della settimana ha inoltre previsto degli allenamenti sui tappetini in palestra con capriole e svariati esercizi di base, poi anche sessioni sul trampolino elastico, dove l’atleta inizia ad acquisire fiducia con l’aria e dove vengono costruite le fondamenta di ogni figura acrobatica. Infine non sono mancate le importantissime attività extra per conoscersi e volte a creare il giusto spirito di gruppo: il parco avventura, lo stand-up paddle, l’uni-hockey, il pumptrack e altro ancora!


GUARDA IL VIDEO DELLA SETTIMANA

<- Indietro a: News